Lotta al Doping: 20mila Studenti Coinvolti Quest'Anno in un Progetto Nato in Lombardia

Pubblicato: Mercoledì, 10 Luglio 2019

Oltre 20mila studenti italiani di 200 istituti dicono no al doping e gridano "sì" allo sport pulito. La Federazione Italiana di Atletica Leggera promuove e sostiene in sinergia con ASSITAL (Associazione Italiana Tecnici Atletica Leggera), dal 2016, il progetto "Lotta al doping", finalizzato ad informare-formare gli allievi degli istituti scolastici di secondo grado e i licei sportivi in particolare, sulla problematica dell'uso di sostanze dopanti nello sport. Il tema, anche nell'anno scolastico 2018-2019, è stato affrontato da un pool di esperti che, formati nello specifico dalla FIDAL con un training dedicato, hanno messo i ragazzi di fronte alla realtà del fenomeno, denunciandone lo scostamento dall'etica sportiva e le nefaste conseguenze psico-fisiche derivanti da questa pratica.

Gli ideatori del progetto Adolfo Rotta e Antonio La Torre, in un’iniziativa che ha preso il via e trovato grande linfa in Lombardia prima di varcare i confini regionali, si sono occupati in prima persona della formazione dei relatori di tutta Italia: grazie ad una formazione condivisa, tutti i relatori sono stati in grado di portare il progetto nelle scuole italiane, esattamente come è stato ideato. La segreteria nazionale coordinata dal professor Dino Ponchio ha organizzato i calendari e le attività di tutti i membri del team di formatori. La risposta da parte del mondo scolastico è stata molto positiva sia per quanto riguarda il numero di richieste per l'inserimento in calendario e, soprattutto, nelle risposte e nelle interazioni dei partecipanti agli incontri. «Il doping è un argomento che tocca parecchio gli studenti - spiega Adolfo Rotta -: oggi i giovani siano molto più attenti al problema rispetto a qualche anno fa. Ci troviamo sempre a confrontarci con platee molto interessate e incuriosite dalle tematiche e dagli aneddoti raccontati e soprattutto molto partecipi con domande e interventi. Con il problema doping sempre più d’attualità è cresciuto di parecchio anche il livello di informazione dei ragazzi sui casi più recenti, tra cui l’abuso delle esenzioni terapeutiche. La prevenzione del doping è una questione culturale: quella tra i 15 e i 20 anni è la fascia d’età migliore su cui intervenire».

Obiettivi dichiarati del progetto sono diffondere la cultura della salute e della legalità sportiva nei giovani, promuovendo una corretta e puntuale informazione sul fenomeno del doping nelle sue varie articolazioni, sui suoi effetti nell'organismo e sulle sue implicazioni. Tutto questo per contribuire allo sviluppo nelle nuove generazioni di stili di vita sani e comportamenti ispirati ai principi di legalità e convivenza leale e civile.

Comitato Regionale Lombardia - Federazione Italiana di Atletica Leggera
tel. +39.02.744786 - fax +39.02.716706 - P.IVA 01384571004 e C.F. 05289680588
via Giovanni Battista Piranesi, 46 - 20137 Milano