Trofeo dell'Anguria: Rigali 10.56, F. Rossi 47.80, Crescono Alberti e Dozio, Schembri Vince al Rientro

Pubblicato: Domenica, 26 Luglio 2020

Arrivano risultati di valore dal pomeriggio del Trofeo dell'Anguria allestito oggi domenica 26 luglio a Bergamo.  Il vento disturba un po’ le volate dei 100 metri. In batteria Roberto Rigali, portacolori della Bergamo Stars Atletica organizzatrice e sprinter nel giro azzurro, chiude in un 10.59 appesantito da -1.9: in finale il vento scende a -1.3 e Rigali lima 3/100 correndo in 10.56 e precedendo Mame Moussa Ndiaye (Atl. Pianura Bergamasca) a 10.88 e il quattrocentista Mattia Casarico (CUS Pro Patria Milano) a 10.97.  Nelle eliminatorie corre pure Simone Manigrasso (Fiamme Gialle): il finalista iridato paralimpico (categoria T64) timbra 11.91 (-1.8). Gara decisamente più equilibrata al femminile: la junior Lucrezia Lombardo (CUS Pro Patria Milano) pareggia il PB in batteria con 12.44 (-0.6) ottenendo il miglior tempo davanti al 12.47 nella stessa serie di Arianna De Masi (Atl. Meneghina), ma in finale (-0.5) è De Masi a piazzare la zampata vincente in 12.40 sulla stessa Lombardo e sull’allieva Elisa De Santis (Team A Lombardia, 12.81).

Di spessore la prima serie dei  400 uomini: lo junior Francesco Domenico Rossi (Geas) si avvicina ancora al PB (47.62) siglando 47.80, alle sue spalle Bakary Pozzi Dandio (CUS Pro Patria Milano) resta a 5/100 dal proprio limite in 48.10 e Davide Marelli (GS Bernatese) centra lo stagionale a 48.30 con Mattia Cella (Pro Sesto) a 49.03, mentre dalla seconda serie si rivede un ottimo Marco Lo Verme (CUS Pro Patria Milano) con 48.59 e nell’ultima serie l’ottocentista Leonardo Cuzzolin (Pro Sesto) timbra 49.49. Il giro di pista femminile è di Marta Pileggi (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter), che con 56.91 centra il PB e scende per la prima volta sotto i 57 secondi: sul podio con lei due ragazze dell'Atletica Lecco Colombo Costruzioni, Federica Lega (58.33) e la junior Lisa Galluccio (58.81). 

A 39 anni e mezzo e al debutto 2020 Fabrizio Schembri si prende ancora la scena nel triplo. L'alfiere rovellaschese del CS Carabinieri, finalista iridato 2013 e tricolore Assoluto l'ultima volta nel 2018, mette già una misura significativa al primo salto (15.26/-0.4), incrementandola poi al quarto turno con 15.38 (-0.2) e al sesto con 15.45 (-0.7). Dominique Rovetta (CUS Pro Patria Milano) si prende lo stagione outdoor a 15.11 (0.0) e stavolta supera lo junior Gabriele Tosti (Bergamo Stars), autore di 14.74 (-0.1), 15 centimetri meglio di Denis Rigamonti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter, 14.59/-0.6).

Piccola sorpresa del lungo donne: Sveva Gerevini (Cremona Sportiva Atletica Arvedi) realizza un buon 5.65 (+0.3) realizzando lo stagionale all’aperto ma senza vincere la gara. Il successo va infatti a Eleonora Alberti (NA Varese): la sprinter-lunghista varesina, 20 anni da compiere venerdì prossimo, già tricolore nella velocità sia da cadetta sia da allieva, atterra a 5.80 (+1.1) aggiungendo 4 centimetri al personale risalente al 2018. Terza la triplista Alessandra Prina (Bracco) a 5.48 (+0.7), quarta Sofia Wieland (CUS Pro Patria Milano) con il PB da 5.41 (+1.0). Sveva Gerevini porta comunque a casa una vittoria di giornata: nel peso con 11.83. Sulla stessa pedana arriva però un notevole 14.31 di Federica Dozio (Virtus Calco) con l'attrezzo da 3 kg della categoria Allieve, che si migliora di un colpo solo di quasi un metro (132 centimetri di progresso nelle ultime due gare!).  L’alto va al favorito Nicholas Nava (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter), che supera 2.02 alla seconda e poi 2.06 sempre alla seconda prima di fallire tre volte a 2.09. Bravo alle sue spalle lo junior Mory Diop (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), che resta a un centimetro valicando 2.00: gli allievi Alessandro Di Gregorio (OSA Saronno) e Andrea Cesana (Atl. Vedano) siglano 1.94.

Il 19enne Simone Bonfanti (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) debutta con una spallata di livello nel giavellotto: 64.47, per restare a 36 centimetri dal PB e per superare Lorenzo Bruschi (OSA Saronno, 57.51) e lo junior Samuele Gaschino (Cento Torri Pavia, 55.75).  I due avamposti della gara Allievi sfiorano entrambi il primato personale: Simone Buzzella (Cento Torri Pavia) vince con 60.57 e Andrea Caselotti (Pro Sesto) è secondo con 54.28.

Sfide equilibratissime negli 800 metri. La gara maschile vede la prima serie risolta a proprio favore da Tommaso Arrighi (CUS Insubria Varese Como) in 1:57.00, ma i tempi migliori arriveranno dalla seconda: successo finale dello junior Giovanni Ponti (Varese Atletica), già campione regionale Allievi sui 400 ostacoli, che si impone in 1:56.32 su Matteo Burburan (Forti e Liberi Monza) autore di 1:56.44 e su Riccardo Serra (Pro Patria ARC Busto Arsizio, 1:56.94). Succede tutto nella prima serie nella prova femminile: Chiara Fumagalli (Atl. Mariano Comense) con 2:17.34 batte il binomio della Fanfulla composto da Faith Gambo (2:17.64) e dalla junior Susanna Marsigliani (2:17.75) mentre quarta è Gaia Bolognini (Atl. Pianura Bergamasca, 2;19.70). Capitolo 110 ostacoli: tra le barriere si conferma Federico Piazzalunga (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) nella gara Assoluta con 14.90 (-0.5); notevole il 14.39 del decatleta Andrea Caiani (Team A Lombardia) nella gara Allievi; tra gli Juniores vince Alessandro Rota (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) con 14.75 (-0.8) sul compagno di club Junior Trevor Goho Diseysson (14.86).

Cesare Rizzi

FOTO di Michele Maraviglia: sopra Fabrizio Schembri, qui sotto la volata vincente di Roberto Rigali.

Trofeo.Anguria 2020 100 M Rigali

Comitato Regionale Lombardia - Federazione Italiana di Atletica Leggera
IBAN:
IT24U01005001601000000140051
Tel.: +39.02.744786 - Fax: +39.02.716706 - P.IVA: 01384571004 e C.F.: 05289680588
via Giovanni Battista Piranesi, 46 - 20137 Milano