Pista in Regione: nel Maltempo Volate “Giovani” a Olgiate Olona e Lanci a Mariano Comense

Pubblicato: Domenica, 14 Aprile 2019

A Olgiate Olona (VA) il contesto non è certo primaverile, ma la riunione interregionale organizzata oggi domenica 14 aprile dalla Polisportiva Olonia racconta di numerosi giovani in evidenza. Partiamo dai 200 metri e da due ragazzi del ’99 (primo anno Promesse) vincenti con notevoli progressi sui personali. La prima serie maschile applaude il successo di Mame Moussa Ndiaye, sprinter dell’ABC Progetto Azzurri in vorticosa crescita: a Villa Gonzaga per lui c’è il primo crono della carriera sotto i 22 secondi, un 21.90 (-0.4) a precedere Simone Di Nunno (Atl. Riccardi Milano 1946, 22.38) e Simone Vettori (Pol. Olonia, 22.40). Arianna De Masi (Atl.Meneghina, FOTO d'archivio a sinistra), azzurrina all’EYOF 2015, corre invece solo in decima serie: il suo 24.92 (-0.9) risulterà di gran lunga il miglior crono della giornata abbassando di oltre mezzo secondo il PB. Alle sue spalle due under 18 arrivano al PB: Chiara Manenti (Atl. Varesina Malpensa) lima oltre tre decimi per correre in 25.66 (+0.2), Giulia Maria De Paoli (Pro Patria ARC Busto Arsizio) sigla subito 25.70 controvento (-1.1).  

Grande bagarre tutta Allieve negli 800 metri femminili: Sofia Bonanomi (Merate Atletica), classe 2003, supera Susanna Marsigliani (NA Fanfulla) siglando 2:17.22 (2:18.37 per Marsigliani) ma non basta per vincere visto che nella quarta e ultima serie un’altra ragazza del 2003 (allieva al primo anno) come Laura Renna (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) inscena una cronometro individuale da 2:16.18. La gara maschile va allo junior Andrea Mason (CUS Insubria), che sfiora il PB con 1:55.98. Nei 2000 siepi il tricolore Allievi in carica Samuele Siena (NA Fanfulla), oggi passato junior, si ripropone in un 6:19.08 d’ordinaria amministrazione. “Giovani” pure i 400 ostacoli con i successi dello junior Manuel Maldifassi (Varese Atletica, 56.25) e l’allieva Angelica Buffoni (OSA Saronno, 1:05.89). Un’allieva del 2003, Vittoria Di Dato (NA Varese), vince pure la prova di marcia in 27:10.39: sui medesimi 5 km è l’under 20 Costantino Dario (OSA Saronno) a imporsi tra gli uomini con 23:12.69. Il capitolo concorsi trova l’acuto nel 51.23 della martellista Giulia Rossetti (Atl. Brescia 1959 Ispa Group) ma da sottolineare è anche il 6.49 (+1.4) di Dario Schiavone Roatana (Cento Torri Pavia), calciatore tornato al lungo dopo tre anni (nella prova femminile successo per Alessandra Prina/Bracco con 5.64/+0.7). Lo junior Mory Diop (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) conferma i pronostici nell’alto (1.90). RISULTATI

MARIANO COMENSE – La seconda giornata di riunione regionale di soli lanci nel Centro Tecnico Regionale di settore a Mariano Comense (CO) è pesantemente penalizzata da pioggia e fredda: il risultato di maggiore spessore è il 46.97 della giavellottista Pascaline Adanhoegbe (NA Fanfulla), che precede la junior Giulia Cascio (US Albatese), autrice di 40.37. Il giavellotto maschile va invece al decatleta Michele Brini (Atl. Imola Sacmi AVIS) con 51.95. Nel disco successi di Ivano Verbi (CUS Pro Patria Milano) con 42.47 e di Elena Varriale (Toscana Atl. Empoli) con 44.98 in una prova orfana sia di Capoferri sia di Julita.  Nelle gare Allievi il giavellottista Simone Buzzella (US Derviese) supera ancora i 50 metri: 51.10. RISULTATI

BRUGHERIO – La prima tappa del Time Attack vede volare i velocisti sia pure con crono manuale: l’allievo Tommaso Baresi (CUS Pro Patria Milano) vince i 100 con 10.6 (+1.8) battendo il lunghista Alessandro Li Veli (Team A Lombardia) e Riccardo Faita (Pro Sesto), accreditati entrambi di 10.8.  La seconda prova del Gran Premio Milano Cadetti/e vede sugli scudi le ostacoliste. Andrea Hapau (Scuola Sportiva Atl. Punto It) è grande protagonista: successo negli 80 metri ostacoli in 11.7 (+1.3), terza piazza nei 300 ostacoli in 46.1 e doppia prestazione sotto il minimo tricolore (i crono manuali sono validi come standard). Nei 300 ostacoli al top sono però la vicecampionessa italiana in carica nel lungo Marta Amouhin Amani (CUS Pro Patria Milano) e l’altista Sofia Cereda (Atl. Riccardi Milano 1946), scopertesi al top sugli ostacoli bassi con tempi rispettivamente da 45.5 e 45.9 (minimo tricolore anche per Alessia Zeli/Scuola Sportiva Atl. Punto It con 47.2). RISULTATI

Ce. Ri.