UNA SENSAZIONALE MARTA MILANI A BARCELLONA: 51.87 NEI 400. NAVA DODICESIMO NEI 1500

Pubblicato: Venerdì, 30 Luglio 2010
Incredibile prestazione della quattrocentista bergamasca Marta Milani agli Europei di Barcellona. La determinata ragazza dell`Esercito cresciuta con i colori dell`Atletica Bergamo 59 e seguita da Saro Naso, correndo la finale dei 400 in prima corsia, ha ottenuto il record personale (precedente 52.27) giungendo settima e centrando la sesta prestazione italiana di sempre. La giovane Milani ha avuto un avvio deciso e non si è fatta impressionare dal livello tecnico della avversarie.
Una finale agguerritissima lanciata dalle tre russe imprendibili che hanno conquistato il podio. Vittoria di Tatyana Firova in 49.89 davanti a Ustalova (49.92) e a Krivoshapka (50.10) Quarta l`azzurra Libania Grenot che con una coraggiosa gara è andata a 13 centesimi dal suo record italiano chiudendo in 50.43.

Goran Nava, il mezzofondista italo-serbo del Cus Pro Patria Milano è poi 12mo nella finale dei 1500 vinta da Arturo Casado in 3:42.74. L’atleta di Giorgio Rondelli, che ha al suo attivo la partecipazione ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 e ai Mondiali di Berlino 2009, sempre con la maglia serba, in questa difficile gara caratterizzata da una partenza molto lenta //con passaggio ai 400 in 1.04.43, esce ai 700 metri mettendosi in terza posizione dietro agli spagnoli, combatte, ma sul finale scivola dietro e chiude in 3:45.77. Settimo l’azzurro Obrist in 3:43.91.

Nell’Alto donne non passa purtroppo la qualificazione la lombarda dell’Esercito Raffaella Lamera, uscita di scena dopo 1,87 alla prima e tre errori ad 1,90. fuori dalla finale anche l’azzurra Antonietta Di Martino, tredicesima e prima delle escluse con 1.90 (1,92 era l’accesso diretto alla finale).

G.C.

Foto di Giancarlo Colombo (Fidal)