Assoluti Indoor: Cairoli e Dester in Vetta all’Eptathlon, Tortu-Sprint, Accetta d’Oro

Pubblicato: Domenica, 23 Febbraio 2020

Tre titoli italiani per l’atletica lombarda (con cinque argenti e quattro bronzi) nella seconda e ultima giornata dei Campionati Italiani Assoluti indoor ad Ancona. Dopo il successo di Sveva Gerevini nel pentathlon l’eptathlon maschile si chiude con un trionfo lombardo: Simone Cairoli (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) centra il sesto titolo nazionale Assoluto nella prova multipla indoor con 5939 punti, nuovo primato personale e secondo score di sempre in Italia alle spalle dei 5972 punti di William Frullani; Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) è d’argento e con 5680 punti sbriciola sia il personale sia la Miglior Prestazione Italiana Promesse (5537 di Franco Luigi Casiean). Peccato per Luca Dell’Acqua, varesino della Virtus Lucca, quarto con 5363 punti, a sole 10 lunghezze dal bronzo di Michel Brini che effettua il sorpasso proprio nel 1000 finale. Sesta piazza per Alessio Comel (CUS Insubria Varese Como, 4699). Dopo un sabato in cui Cairoli aveva chiuso con 100 punti in più di Dester la domenica inizia con due nuovi PB sui 60 ostacoli: 8.23 per Simone e 8.35 per Dario, con il margine per Cairoli che sale a +129. Nell’asta i due superano entrambi 4.70: personale pareggiato per Cairoli e sfiorato per Dester. A una gara dal termine a Cairoli serve 2:39.09 per il nuovo primato italiano, a Dester “basta” un crono appena superiore a 3:09.00 per il nuovo limite Promesse: Simone Cairoli insegue l’impresa e chiude i 1000 non lontano dal tempo necessario (2:42.10), Dario Dester cede qualcosa alla fine ma intasca comunque un 2:54.40 più che sufficiente per diventare il migliore under 23 di sempre nelle multiple indoor e cogliere la prima medaglia tricolore Assoluta.

SPRINT LOMBARDO – Vince Filippo Tortu, come da pronostico: il brianzolo delle Fiamme Gialle centra la seconda maglia tricolore Assoluta (dopo i 100m di Rieri 2016) e pure il secondo titolo sui 60 metri piani dopo l’oro centrato da allievo nel 2014 con la maglia dell’Atletica Riccardi Milano 1946. Proprio la Riccardi lo “accompagna” sul podio: se Tortu sfiora il PB (nonché MPI Promesse) con 6.60 e un gran lanciato deve pure rintuzzare la grande partenza di Massimiliano Ferraro, argento con 6.66, mentre Wanderson Polanco è bronzo (come un anno fa) con 6.77. Quarta piazza (dopo l’argento 2019) per Roberto Rigali (Bergamo Stars) con 6.80: in finale pure il bresciano Andrea Federici (Biotekna Marcon), ottavo con 6.86. La finale femminile vede Chiara Melon arrendersi solo a Irene Siragusa: la velocista con le trecce dell’Atletica Brescia 1950 Ispa Group è d’argento in 7.43 in una finale che vede pure Chiara Gala (Pro Sesto) quinta in 7.53 e Marta Maffioletti (Bracco) settima con 7.59. In un’avvincente tanto “schizofrenica) finale dei 400 Mattia Casarico (CUS Pro Patria Milano) coglie come Melon la prima medaglia tricolore individuale con 48.38: bronzo. Le sue compagne di club al CUS Pro Patria Milano sono d’argento nella 4x400: Virginia e Serena Troiani (quest’ultima dopo un’eccellente quarta piazza negli 800: 2:07.73), Ilaria Burattin e Aurora Casagrande Montesi con 3:43.29 vincono la prima serie e detengono per qualche minuto pure la Miglior Prestazione Italiana Assoluta di società prima che il CS Esercito firmi 3:40.81. Le biancoblu saranno seconde nel complessivo mentre decisiva per il bronzo è la frazione di Anna Polinari che consegna il bronzo all’Atletica Brescia 1950 Ispa Group e alle compagne Alessia Seramondi, Alexandra Almici e Alessia Niotta in 3:48. 80 (quarta in 3:48.91 la Bracco Atletica di Annalisa Spadotto Scott, Francesca Aquilino, Daniela Tassani e Alessia Brunetti).

TRIPLA SORPRESA: ACCETTA D’ORO –  La novità è Edoardo Accetta (Atl. Virtus Cr Lucca), triplista e videomaker che racconta attraverso il progetto H.U.M.A.N. le vicende sportive dei protagonisti dell’atletica. Oggi il grande protagonista è il 25enne lombardo dell’Atletica Virtus Cr Lucca, già tricolore outdoor tra le Promesse e tra gli Allievi, che indirizza la gara con il 16.50 iniziale e poi aggiorna di nuovo il primato personale fino a 16.62, migliore misura italiana dell’anno, 34 centimetri in più del proprio limite. Ne fa le spese Andrea Dallavalle (Fiamme Gialle) che trova buone assi di battuta ma non sfonda (16.53). Il terzo posto si decide in un centimetro: Samuele Cerro (Enterprise Sport&Service) con 16.47 lo strappa a Tobia Bocchi (Carabinieri, 16.46).

MEZZOFONDO - Un grande classico di Ancona: si corrono gli 800 metri, li vince Simone Barontini (Fiamme Azzurre). Quattro successo tricolore di fila per l’idolo di casa, che come al solito si piazza in testa a scandire i tempi e dettare le regole (1:48.41). Stavolta l’ultimo a piegarsi a Gabriele Aquaro (Team-A Lombardia) che nell’ultimo giro dà pure l’impressione di poter scavalcare Barontini: così non è, chiude in 1:49.22 e si prende l’argento come già accaduto all’aperto a Pescara 2018. I 3000 metri sono terreno di conquista per le mezzofondiste dell’Esercito: Elisa Bortoli (9:16.50, primato personale di quasi cinque secondi) controlla e poi affonda il colpo negli ultimi cento metri, prendendo di infilata la compagna di squadra Elisa Palmero (9:17.33) e stacca anche la bresciana Federica Zanne, bronzo in 9:22.02: la tricolore Promesse Micol Majori (Pro Sesto), ultima ad arrendersi, è quarta in 9:29.05, seguono Nicole Reina (CUS Pro Patria Milano) quinta in 9:30.20, Ludovica Cavalli (Bracco) sesta in 9:34.89 e Chiara Spagnoli (Pro Sesto) ottava con 9:37.80.

GLI ALTRI FINALISTI LOMBARDI – Alto F: 5. Nicholas Nava (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) 2.16. Asta M: 6. Giacomo Bernardi (Pro Sesto) 5.00. Triplo M: 8. Jean Dominique Rovetta Gasigwa (CUS Pro Patria Milano) 15.20. Alto F: 6. Teresa Maria Rossi (Geas) 1.75. Triplo F: 4. Camilla Vigato (Bracco) 12.79, 5. Costanza Gavioli (La Fratellanza 1874) 12.68, 7. Priscilla Carlini (CUS Pro Patria Milano) 12.56. 400m F: 6. Anna Polinari (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) 54.90. 3000m M: 4. Mattia Padovani (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) 8:26.72, 7. Edoardo Melloni (CUS Pro Patria Milano) 8:35.27. Staffetta 4x400 M: 4. Atletica Chiari 1964 Libertas (FALAPPI Michele - BONZANINI Jacopo - GARDA Ivan - AKWANNOR Vanni Picco) 3:21.31, 6. Atletica Bergamo 1959 Oriocenter (ROTA Roberto - NDAO Birane - PERICO Alessandro - PIERANI Luca) 3:25.09. Staffetta 4x400 F: 8. Atletica Bergamo 1959 Oriocenter (PILEGGI Marta - BINDIKU Sophie - PUTTI Federica - MAPELLI Benedetta) 3:54.34.

Cesare Rizzi (hanno collaborato Luca Cassai e Nazareno Orlandi)

FOTO Colombo/FIDAL: in home Simone Cairoli e Dario Dester; in alto la premiazione dei 60m piani maschili; qui sotto Edoardo Accetta.

Edoardo Accetta Ancona 2020

Comitato Regionale Lombardia - Federazione Italiana di Atletica Leggera
IBAN:
IT24U0100501601000000140051
Tel.: +39.02.744786 - Fax: +39.02.716706 - P.IVA: 01384571004 e C.F.: 05289680588
via Giovanni Battista Piranesi, 46 - 20137 Milano