Fletta Trail 2020: La Classica di Malonno è di Francesco Puppi ed Elisa Sortini

Pubblicato: Lunedì, 03 Agosto 2020

Francesco Puppi ed Elisa Sortini sono i nuovi padroni del Fletta Trail; sui 21km con 1100 metri di ascesa dello storico tracciato di Malonno, i due azzurri del mountain running scrivono la storia incidendo il proprio nome negli annali del trofeo e facendo segnare anche degli ottimi crono. Il weekend bresciano nella “casa” della Corsa in Montagna chiude così con un bilancio più che positivo: numerosi gli atleti in gara e diverse anche le persone accorse ad assistere all’evento. La stagione può finalmente entrare nel vivo.

FLETTA TRAIL MASCHILE – Alla partenza sono schierati numerosi assi della specialità, da chi – come il trentino Cesare Maestri (Atl. Valli Bergamasche Leffe) – esprime il meglio di sé nella distanza “classic”, a chi predilige invece percorsi più lunghi e tecnici, come il vincitore di giornata Puppi (foto a sx). Sono proprio i due amici, insieme al francese Sylvain Cachard a stappare la corsa, fin dalle prime battute. Il campione comasco in forza all’Atl. Valle Brembana diventa ben presto l’unico a sembrare in grado di resistere al forcing del transalpino, che prova a scappare via nella parte centrale del tracciato. Nel frattempo Maestri deve guardarsi dal ritorno miracoloso di Martin Dematteis (Sportification), che con una rimonta epica si riporta sotto al giovane trentino. Il duello tra Puppi e Cachard prosegue avvincente; nella parte finale il percorso si fa molto più veloce e piano, caratteristica che giova alla buona attitudine di Puppi sia alla corsa su strada che alla pista. Il guanzatese riesce a far valere il suo “motore” e si prende il Fletta Trail 2020 in 1h26’27”, davanti ad uno sfinito Cachard, che si era presentato solo al comando al termine dell’ultima discesa di giornata. Maestri riesce a difendere il bronzo dagli attacchi di Dematteis, mentre a completare la top 5 è l’irlandese Hanna Zak. Buone prove anche per i giovani Gabriele Bacchion (ora in forza alla Recastello Radici Group) e Alberto Vender (SA Valchiese), sesto e settimo di giornata prima di un’altra grande sorpresa: l’ottavo posto è per l’U23 Luca Merli (SA Valchiese) che coglie una prestazione di gran prestigio. Chiudono la top ten Iacopo Brasi (Atl. Rodengo Saiano MICO) e l’altro gemello Dematteis, Bernard (Sportification). In chiave lombarda è ottimo anche l’undicesimo posto del lecchese Luca Del Pero (ASD Falchi Lecco), così come la sedicesima piazza assoluta di un altro forte U23 come Massimo Zucchi (Freezone).

FLETTA TRAIL FEMMINILE – Elisa Sortini (foto in HOME) è la più in forma di tutte e non ha rivali. Fin dalla partenza è ben chiaro quali siano le sue intenzioni: attaccare e vincere in solitaria. Il vantaggio della portacolori dell’Atl. Alta Valtellina si dilata durante tutto il corso della gara, fino agli oltre due minuti di margine su Lorenza Beccaria (Atl. Saluzzo) con cui taglierà il traguardo. Per la Sortini è significativo il crono di 1h41’38, che la colloca tra le migliori di sempre a Malonno. Il bronzo, dopo la rimontante Beccaria, spetta a Francesca Ghelfi (Pod. Valle Varaita), che dopo un avvio arrembante deve accontentarsi del terzo posto. La medaglia di legno se la aggiudica Mojca Koligar, esperta atleta slovena che precede l’azzurra Alice Gaggi (La Recastello Radici Group). Al sesto posto si piazza Ilaria Veronese (Atl. Giò ’22 Riviera), davanti a Maria Dimitra Theocharis (US Aldo Moro). All’ottavo posto un’altra azzurra come Gloria Giudici (Freezone) precede la giovane lecchese (U23) Martina Bilora (Falchi Olginatesi). Completa la top ten di giornata un’altra esperta atleta come Moira Guerini (Tornado). Ad un passo dalle prime dieci è degna di menzione anche un’altra valtellinese, Elisa Compagnoni (Atl. Alta Valtellina, undicesima).

Matteo Porro