Pista: Asta Spettacolo a Saronno (Primi Piantella e Riva), Super Jacobs e Bertolini a Trieste

Pubblicato: Lunedì, 16 Luglio 2018

Gloria Riva Pavia2016 2Asta spettacolo venerdì 13 luglio a Saronno (VA). La prima tappa del Pole Vault Circuit, kermesse ideata da Andrea Calandrina, vede una tripla competizione di salto con l’asta con misure a salire ma anche con brani musicali scelti dagli stessi saltatori ad accompagnare le prove di ogni atleta, con riprese video di ogni prova e con una zona ristoro a bordo pedana. L’atmosfera nel campo dove è di casa l’OSA Saronno Libertas esalta Giorgio Piantella (Carabinieri): il tricolore Assoluto supera quota 5.03 ottenendo la miglior prestazione tecnica della serata e vincendo Gara-3, la prova partita dalle misure più alte. A 4.83 approdano Manfred Menz (Athletic Club 96 Alperia), bronzo europeo Master nell’ultimo inverno, e il decatleta già tricolore Juniores Valentino Arrigoni (NA Astro) mentre a quota 4,73 giunge Matteo Miani (Assindustria Padova). In Gara-2 doppio 4.41 dello junior Simone Massarotto (Assindustria Padova) e dell’under 23 Alessio Comel (US Albatese), che aggiunge un centimetro al PB; in Gara-1 il decatleta allievo Alessandro Arrius (OSA Saronno) si migliora di 11 centimetri salendo a 3.81.

Tre metri e 81 centimetri rappresentano anche il picco del concorso femminile: a firmarlo l’ex azzurra della ginnastica artistica Gloria Riva, portacolori dell’Atletica Monza (FOTO a sinistra). A 3.51 salgono l’allieva Laura Pirovano (Atl. Monza) e l’under 23 Alessandra Fumagalli (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter). In Gara-1 la miglior misura era arrivata da Giorgia Derosa (OSA Saronno) con 3.21. [RISULTATI]

È imminente intanto il prossimo appuntamento con il Pole Vault Circuit: venerdì 20 luglio a Canegrate con l’organizzazione della PAR Canegrate. [Ce. Ri.]

TRIESTE - Rientro agonistico per Marcell Jacobs, di nuovo in azione sui 100 metri. A Trieste il 23enne Fiamme Oro chiude la batteria in 10.18 (vento +0.3), a un mese e mezzo dall’ultima gara disputata, e poi preferisce non scendere in pista nella finale a scopo precauzionale. È il quarto tempo in carriera dell’azzurro, un decimo esatto in più del record personale stabilito con 10.08 il 23 maggio a Savona. Dopo aver corso al Golden Gala, ha dovuto rinunciare ai Giochi del Mediterraneo di fine giugno per un problema fisico. Complessivamente è il suo quinto risultato dell’anno sotto i 10.20. In un’altra batteria 10.40 (+0.7) del tricolore assoluto Federico Cattaneo (Atl. Riccardi Milano 1946) che poi è terzo nella finale con 10.50 controvento (-1.0) mentre il namibiano Gilbert Hainuca e il sudafricano Henricho Bruintjies si giocano il successo al fotofinish: 10.32 a 10.33.Simone Tanzilli BustoArsizio2016

Sulla pedana del giavellotto Roberto Bertolini si riporta sopra gli 80 metri. Al secondo lancio arriva la spallata vincente del lanciatore delle Fiamme Oro che spedisce l’attrezzo a 80,24. Per la quinta volta, ma è la prima in questa stagione, il 32enne milanese (PB 81,68 nel 2017) riesce così a superare questa barriera. Pochi giorni fa era salito in testa alle graduatorie nazionali dell’anno con 77,92 a Saronno.

Al femminile due sprint ravvicinati nell’undicesima edizione del Triveneto Meeting per la campionessa tricolore Irene Siragusa (Esercito): 11.52 (+1.0) in batteria e 11.47 (+0.5) nella finale dei 100 metri (11.96/+1.1 e 12.03/+0.5 per la milanese Giulia Riva/Fiamme Oro). Quest’anno è diventata la seconda italiana alltime con 11.21 a Orvieto. Tra le barriere dei 100 ostacoli cresce davanti al pubblico di casa la quasi 21enne Nicla Mosetti (Bracco Atletica), al record personale con 13.34 (+0.4) preceduta dalla giamaicana Shimayra Williams (13.27). La giovane triestina migliora di tre centesimi il crono dell’anno scorso ottenuto in occasione degli Assoluti nello stesso impianto, lo stadio Grezar, e consolida il sesto posto nelle liste italiane di sempre under 23. Prosegue nel suo “comeback” la 22enne Eleonora Vandi (Atl. Avis Macerata) dopo l’infortunio invernale: oggi con 2:05.45 sugli 800 metri toglie più di un secondo al season best, 2:06.86 di martedì a Trento, seguita dalla coetanea Irene Vian (Atl. Silca Conegliano), 2:07.05 ad appena un centesimo dal personale. La sfida dei 200 uomini va quindi in 21.16 (-0.1) a Simone Tanzilli (Atl. Riccardi Milano 1946, FOTO a destra) che precede Diego Marani (Fiamme Gialle), 21.32. Il lungo maschile va al varesino Camillo Kaborè (Carabinieri): 7.43 (+0.8). [RISULTATI/Results] [Luca Cassai/Fidal.it]

CHIVASSO: JEMAI 57,65 - Per incrementare il record personale mancano 15 centimetri, ma Sara Jemai nella gara di Chivasso (Torino) si proietta ancora sopra i 57 metri con il giavellotto e subito a 57,65 nel primo lancio. La 26enne dell’Esercito, tricolore invernale della specialità, firma la sua seconda prestazione in carriera: rimane a meno di una spanna il 57,80 di inizio giugno a Budapest. [RISULTATI/Results] [Luca Cassai/Fidal.it]