Record Italiano di Simone Fassina nell’Eptathlon Juniores: 5299 Punti

Pubblicato: Domenica, 11 Gennaio 2015

Simone Fassina, aspirante geometra di Vimercate (MB), aveva un conto aperto con Padova: l’anno scorso si laureò campione italiano Juniores di eptathlon indoor ma fallì il primato italiano di Vincenzo Vigliotti per soli cinque punti (5154 contro 5159). L’occasione della rivincita arriva oggi, nel corso dei campionati regionali lombardi di prove multiple indoor “ospiti” della rassegna veneta: l’allievo di Agostino Rossi al Team A Lombardia aggiunge 140 lunghezze al bottino di Vigliotti facendo registrare 5299 punti. Si tratta di un primato costruito soprattutto attraverso asta, ostacoli e peso, specialità in cui arrivano tre PB: rispettivamente 4.40 (aveva 4.30 outdoor ma l’anno scorso ai tricolori in sala si arenò a 3.85), 8.35 (aveva 8.39) e 13.77 (il precedente limite personale era fissato a 13.65). «È un primato che arriva da due giorni di gara molto più omogenei nelle prestazioni» analizza Graziano Camellini, responsabile tecnico lombardo delle prove multiple: a completare il percorso padovano di Fassina arrivano il 7.39 sui 60 piani (altro PB), il 6.84 nel lungo, l’1.92 nell’alto e il 2:56.17 nei 1000.

Per Simone, 18enne studente nel corso di geometra all'istituto omnicomprensivo di Vimercate, non si tratta del primo limite italiano giovanile: con 3738 punti il 26 gennaio 2013 ottenne ad Ancona la MPI Allievi di pentathlon indoor ancora in vigore, mentre all’aperto con 7109 punti vanta un decathlon da Under 20 vicino alla miglior prestazione mai ottenuta in Italia da Michele Calvi. Nell’armadio Fassina ha già due maglie azzurre a rassegne iridate giovanili: per l’octathlon ai Mondiali Under 18 di Donetsk 2013 e per il decathlon ai Mondiali Juniores di Eugene 2014. Il vimercatese si laurea nel contempo anche ovviamente campione regionale Juniores: sul podio con lui sale, al secondo posto, l’alfiere della Riccardi Luca Sartorelli (3424 punti).

La domenica padovana assegna anche i titoli di eptathlon maschile Assoluto e Promesse. Il podio coincide: a vestirsi due volte della maglia di campione regionale è Nicolò Casale (Atl. Monza), ostacolista che mette il punto esclamativo alla propria due giorni proprio nei 60 ostacoli e solo per una prova di asta non esaltante non riesce a superare la barriera dei 5000 punti. Casale totalizza 4886 punti con l'ottimo 8.31 negli ostacoli ma anche 7.11 sui 60 piani e 7.12 nel lungo: a completare il suo weekend 9.02 di peso, 1.95 di alto, 2.90 di asta e 2:48.93 nei 1000. Alle sue spalle è due volte argento Luca Lazzini (Team A Lombardia) con 4433 punti e due volte bronzo Stephen Asamoah (Virtus Castenedolo) con 4344.

Disputati nella seconda giornata anche i pentathlon Allievi e allieve con due note liete sui vincitori e una brutta notizia. Partiamo dalla ragazze. Un infortunio muscolare in riscaldamento prima dei 60 ostacoli mette purtroppo fuori causa Sofia Montagna (Ilpra Atl. Vigevano), campionessa italiana Cadette 2013: il titolo va a un'altra campionessa di Borgo Valsugana, l'altista Elena Riva (Libertas Cernuschese), che totalizza 3210 punti frutto di 9.52 sui 60 ostacoli, 1.62 in alto, 9.06 nel peso, 5.10 nel lungo e un significativo 1:02.78 nei 400. Alle spalle di Elena argento per Eleonora Giraldin (Pol. Olonia) con 2893 punti e Alisia Puglisi (NA Fanfulla) con 2590. Al maschile giornata importante per Marco Leone: il portacolori dell'Atletica Lecco Colombo vince per distacco la gara Allievi grazie a 3469 punti frutto di 8.62 sui 60 ostacoli, 1.86 nell'alto, 12.32 nel peso, un ottimo 6.50 nel lungo e 3:03.21 nei 1000. Con lui sul podio Giulio Gastaldin (Atl. Monza) secondo con 2858 punti ed Edoardo Carucci (Cairatese) terzo con 2734.

RISULTATI

 

C.R.