Allievi Indoor: Poker Lombardo sui 400 M, Favalli e Sambruna d’Oro col Batticuore sui 1000

Pubblicato: Domenica, 11 Febbraio 2018

Fuochi d’artificio nelle corse in programma nel pomeriggio della domenica dei Campionati Italiani Allievi/e in sala al Palaindoor di Ancona. La Lombardia domina la finale maschile dei 400 metri. A incendiarla è Luca Pierani (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter), scattato dalla corsia 6 e transitato in 23.5 alla campana: lo segue come un’ombra Francesco Rossi (Geas, FOTO a sinistra), azzurro al Festival Olimpico della Gioventù Europa 2017 senza poter però scendere in pista per un infortunio: a poco più di 100 metri dal’l’arrivo l’atleta di Sesto San Giovanni mette la freccia e si invola verso il titolo in 49.43, personale e nono crono italiano Allievi di sempre. Dietro piovono PB: Pierani è argento in 50.16, Cristofaro Masiello (Pro Sesto) scende per la prima volta sotto i 51 secondi (50.73) ed è bronzo; non male neppure il 51.15 di Abenezer Mandelli (Atl. Lecco Colombo), argento nei 1200 siepi Cadetti 2017 e ora quarto sui 400 indoor da allievo. A proposito di Lecco Colombo, Clarissa Boleso non scende dal podio dopo il titolo italiano Cadette dei 300 lo scorso 8 ottobre a Cles: è d'argento con una gestione dello sforzo molto giudiziosa e con il nuovo PB a 56.58, con oltre sei decimi di progresso sul crono siglato in batteria. La Lombardia è pure quinta con Beatrice Zeli (Atl. Riccardi Milano 1946), che toglie comunque altri quattro decimi al PB per correre in 57.22.

Nello sprint medaglia dal peso specifico importante per Christian Previtali (Pol. Carugate): dopo una batteria laboriosissima nella finale A l’atleta milanese porta il PB da 22.65 a 22.59 ed è di bronzo alla prima esperienza tricolore indoor (l’anno scorso fu argento sui 300 piani Cadetti).

Atletica lombarda dominante sui 1000 metri: sia al maschile sia al femminile le nostre punte si confrontano con crono di rilievo nelle serie minori. La serie Allieve più accreditata deve confrontarsi con il 3:00.22 di Francesca Piazzola (Quercia Trentingrana): il gruppo transita agli 800 metri con 3 secondi di ritardo rispetto alla serie precedente ma il finale della campionessa in carica Sophia Favalli (FOTO in home), spalleggiata nella prima parte dal’la compagna d allenamenti e di squadra alla Free Zone Elisa Ducoli (poi nona), non ammette repliche (ultimo giro sotto i 31 secondi) e porta la bresciana al titolo-bis in 2:58.08. Applausi pure per Barbara Garini (Geas), in luce nella serie principale chiusa al terzo posto in 3:00.75: nella classifica complessiva sarà quinta.

Al maschile si rivede in chiave tricolore il finale-killer di Andrea Sambruna, vincitore del titolo italiano Cadetti sui 1000 metri outdoor 2016 con la maglia dell’Atletica Cinisello Balsamo e ora d’oro sui 1000 indoor Allievi con i colori della Cento Torri Pavia. Gli atleti più accreditati della gara di mezzofondo devono confrontarsi con il 2:33.75 della serie precedente firmato Mauro Giuliano (Atl. Livorno): l’unico a batterlo, con un finale letale, è proprio Sambruna, che timbra il PB a 2:32.67 e torna sul gradino più alto del podio.  

L’astista Monica Aldrighetti (Bracco) conferma il bronzo conquistato nei Campionati Italiani Allievi outdoor di Rieti 2017 con un ottimo concorso: 3.15, 3.30, 3.40 e 3.50 tutti alla prima prova, 3.55 alla seconda e poi il PB eguagliato a 3.60 ancora alla prima prova che vale il terzo posto.  Nella gara che vede purtroppo subito eliminata (tre nulli a 3.,30) Laura Pirovano (Atl. Monza) arriva anche l’ottavo posto con personale eguagliato a 3.30 della campionessa regionale Allieve Laura Brignoli (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter).

Ce. Ri.

FOTOGRAFIE – Seguite la pagina Facebook FIDAL Lombardia: sono già disponibili le prime immagini scattate dal nostro fotografo Mario Grassi.